Home Blog Come potenziare il TrustRank

Come potenziare il TrustRank

blog

Hr

Come potenziare il TrustRank Il metodo più semplice per potenziare il TrustRank nella creazione siti internet, è *scambiarsi link* con siti che vengano scelti con i criteri sotto elencati. N.B.: non è dimostrato che lo scambio link sia sempre gratuito, spesso "il favore" è a pagamento. 1) Prendendo le mie Keyword più importanti, bisogna scambiare i link con i siti che si posizionano nei primi 10 posti di Google a parità di Keyword. 2) Come sopra ma con Keyword con tematiche correlate. 3) Gli Hubs e i siti Trust per definizione. Sono directory nei portali più famosi basati sulla scelta umana (e non algoritmica come Google) usata inizialmente, come DMOZ, Yahoo, MSN, ecc. ecc. DMOZ non è un motore di ricerca (come lo sono gli altri), è un "garante" sui contenuti dichiarati dal sito, che "certifica" la "moralità" dello stesso e che i contenuti proposti, sono congruenti con quelli dichiarati nelle definizioni di categorie (e combinazioni di esse) proposte da DMOZ. E' indubbio che non manchi di un certo "peso", nel determinare il TrustRank di un sito. Fra gli hubs non a tema (che cioè non specificano l'esatta categoria e tipologia come DMOZ), possiamo ricordare Repubblica.it, Kataweb, Netscape, BBC, ecc. ecc. 4) I siti che hanno PageRank elevato (da 5 in su) ma che abbiano un'equa redistribuzione dei link entranti (non deve cioè superare il 30% di links da pagine interne o dagli stessi domini). E' utile farsi richiamare (max 10%) anche dalle pagine interne. 5) Scegliere i siti "più vecchi". La loro età influisce proporzionalmente sul TrustRank: sito vecchio, fa buon brodo! Potrete ottenere queste informazioni e molte altre ancora, cliccando "whois" al sito: http://whois.domaintools.com/archive.org. E' un sito a pagamento in grado di dirvi vita, morte e miracoli di ogni sito di vostro interesse. 6) Ottimizzare la base dell'HTML nella creazione siti internet. Personalmente preferisco l'XHTML perchè raccomandato dall'authority web e veloce anche per connessioni lente (l'uso dei CSS permette di caricare le istruzioni fisse di pagina, una volta sola all'inizio e non per ogni pagina visualizzata) ma, detto questo, le regole non cambiano. Non dobbiamo dimenticare l'importanza degli H1 (nome sito), H2 (nome pagina) ed il tag: .