Home Blog Vendere sui social tramite chatbot, la nuova frontiera del Conversational Marketing

Vendere sui social tramite chatbot, la nuova frontiera del Conversational Marketing

blog

Marketing

Se il target social della tua azienda potesse portare a termine un acquisto direttamente all’interno delle piattaforme social che presidi, le possibilità di incrementare le tue entrate aumenterebbero sensibilmente, non credi?
In quest’articolo scoprirai che non si tratta di una chimera futuristica: presto, anzi, prestissimo, potrai aggiungere anche tu questo strumento all’interno della cassetta degli attrezzi di Web e Social Media Marketing della tua azienda. Alcuni grandi brand, principalmente negli USA, stanno già sperimentando quest’innovativa funzione: vediamo meglio di cosa si tratta.
Chatbot: come comprare sui social
Protagonisti di questa rivoluzione della comunicazione social  sono i Bot, sistemi di intelligenza artificiale in grado di assistere l’utente all’interno delle chat private dei social network, rispondendo alle sue richieste.
Nella conferenza F8 di Facebook, tenutasi ad inizio 2016, Zuckerberg ha dedicato ampio spazio ai Bot come nuova frontiera della comunicazione sul re dei social network, con investimenti ingenti per sviluppare Bot Messenger in grado di guidare gli utenti verso l’acquisto in modo sempre più semplice e intuitivo.
Il sole del Conversational Commerce sta per sorgere per tutte le aziende, anche in Italia: acquisteremo beni e servizi nelle nostre chat social, attraverso efficienti assistenti personali, senza dover più passare dalla pagina o dal profilo social del brand al suo sito web E-commerce o al suo punto vendita per comprare, perché la transazione avverrà completamente all’interno del social in cui ci troviamo.
Presto messenger bot disponibili per tutte le aziende
I brand che hanno già iniziato a sperimentare in questo campo utilizzano Facebook Messenger, lo spazio di instant messaging del social più utilizzato al mondo. Infatti, l’ultima affermazione del social blu sul lancio di chatbot su Messenger in fase beta è significativa: “Ogni mese, oltre 900 milioni di persone in tutto il mondo comunicano con amici, famiglie e oltre 50 milioni di imprese su Messenger. E ‘la seconda applicazione più popolare su iOS, ed è stata la più rapida crescita applicazione negli Stati Uniti nel 2015.”
Per cogliere al meglio la portata del fenomeno di cui abbiamo parlato fino ad ora in termini di marketing e ROI, vi consigliamo caldamente la visione del video che il team Zuckerberg ha creato in occasione dell’ultima conferenza.
Per approfondire le modalità di funzionamento dei Messenger Bot, invece, vi proponiamo una GIF davvero eloquente per cogliere l’immediatezza del processo di assistenza e di acquisto:

Gli orizzonti del Conversational Marketing tramite chatboat
Gli orizzonti del Conversational Marketing tramite chatboat sono diretti verso una maggiore proattività degli stessi, fino ad arrivare, per esempio, a proporti il supermercato con la promozione più conveniente sul prodotto che stai cercando, oppure il ristorante più vicino a te che cucina i piatti che preferisci e tanto altro ancora.
Le aziende italiane non posso farsi cogliere impreparate: i chatbot posso rappresentare davvero una carta vincente all’interno della strategia di web marketing.

Tuttavia, è bene ricordare che la comunicazione social ha le sue regole e le sue dinamiche, per cui adottare quest’innovazione senza essersi preventivamente posti alcune domande può portare a danni in termini d’immagine ma anche d’investimento economico.
Pertanto, prima di correre alla gara per arrivare primi nell’adozione di una comunicazione tramite chatboat, definiamo bene l’obiettivo che vorremmo raggiungere con il loro utilizzo, definiamo una strategia e chiediamoci se renderanno davvero il nostro servizio più veloce, migliore ed economico. Se la risposta è sì, allora possiamo aggiungere i chatboat all’interno della nostra digital strategy.
Per farlo, però, dobbiamo tenere a mente alcune condizioni sine qua non:
1. La personalità del brand dev’essere mantenuta inalterata: il linguaggio del bot dovrà rispecchiare quello della marca e risultare il più possibile umanizzato.

2. La quantità dei messaggi dev’essere limitata: l’utente non deve percepire un’intromissione disturbante, ma un utile intervento che risolva i suoi problemi e lo aiuti a soddisfare i suoi desideri, espressi o latenti.
3. Il processo interattivo deve essere il più semplice e veloce possibile: in questo canale l’utente cerca proprio una soluzione pratica, veloce e immediata, più di quelle che sa di poter trovare sul tuo sito E-commerce o nel tuo punto vendita.

Rispettando queste caratteristiche, i chatboat possono aprire una nuova prospettiva di business, se integrati in piani di web marketing articolato, con alla base una strategia ben pianificata di Social Media Marketing o di progetto E-Commerce.
NUR può creare per te una strategia di Internet Marketing integrata, partendo dalla definizione dei tuoi obiettivi di business e sviluppando al meglio ogni step per raggiungerli…Contattaci!

Inquadra il codice qr con la fotocamera del tuo smartphone per chattare
Whatsapp
comments Whatsapp Chat
Chatta su
Whatsapp