Home Blog I dati del Politecnico di Milano: “L’e-commerce italiano è raddoppiato in 5 anni”

I dati del Politecnico di Milano: “L’e-commerce italiano è raddoppiato in 5 anni”

blog

I dati del Politecnico di Milano: “L’e-commerce italiano è raddoppiato in 5 anni”
Hr

In Italia gli acquisti da e-commerce raddoppiano in soli 5 anni: questo il risultato di una recente indagine condotta dall’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm Politecnico di Milano, che spiega come gli acquisti online degli italiani siano passati da 9,3 miliardi di euro nel 2011 ad addirittura 19,3 miliardi di euro nel 2016.
Notevole l’incremento già rispetto al 2015, quando le transazioni da Web erano inferiori di 17 punti percentuali (circa 2,7 miliardi di euro). Oggi l’ambito e-commerce raggiunge il 5% dei consumi retail complessivi: si diffonde una nuova mentalità più propensa agli acquisti da PC e mobile.
I settori che maggiormente trainano l’economia dell’e-commerce risultano essere:

  • il turismo, con l’acquisto di biglietti per i trasporti e di prenotazioni degli alloggi;
  • l’abbigliamento, con gli acquisti high fashion e con una notevole crescita di abbigliamento sportivo e mass market;
  • l’informatica e l’elettronica, con l’acquisto di smartphone, TV, elettrodomestici bianchi e accessori;
  • l’editoria, con l’acquisto di libri e (nel 2016) di testi scolastici.

Per quanto concerne i guadagni generati emergono dati interessanti:

  • nella sfera dei servizi dominano il turismo (8.525 milioni di euro – 44% del mercato eCommerce B2c italiano) e le assicurazioni (1.294 milioni di euro – 7% del mercato);
  • mentre nella sfera dei prodotti prevalgono informatica ed elettronica (2.789 milioni di euro – 14% del mercato), l’abbigliamento (1.835 milioni di euro – 9% del mercato);
  • l’editoria (691 milioni di euro – 4% del mercato) e il Food&Grocery (531 milioni di euro – 3 % del mercato).

Se la situazione prosegue con i ritmi attuali, per il Direttore degli Osservatori l’e-commerce B2c varrà nei prossimi 3 anni addirittura il 10% di tutti gli acquisti retail. Un traguardo importante che sarà raggiunto principalmente grazie al contributo di settori come il Food&Grocery, l’arredamento e l’home design.
Stando a quanto percepito dall’indagine del Politecnico di Milano inoltre i dispositivi mobile tendono a spingere con sempre maggiore forza gli acquisti online: sensazione confermata dal fatto che questi stessi acquisti da smartphone e da tablet valgono nel 2016 il 24% di tutti gli acquisti effettuati da e-commerce.
Chi compra tramite mobile è interessato al turismo (10% del valore complessivo), ad arredamento e home living (23%), editoria (23%), informatica (20%), abbigliamento (19%) e Food&Grocery (9%).
In Italia, questo crescente interesse nei confronti dell’e-commerce sta cominciando decisamente a spingere le aziende verso soluzioni multicanale, che consentano alla clientela di intraprendere e concludere esperienze di acquisto sul web, evitando l’impegno di un passaggio per i negozi fisici.
A testimonianza di ciò, basta infatti pensare a quante imprese hanno deciso di dedicarsi nel 2015 a un progetto e-commerce da associare all’attività offline. In tal caso le società più propense a questo genere di attività sono sicuramente quelle operanti nell’abbigliamento e accessori, nel fai da te, nell’informatica ed elettronica, nel Food&Grocery e nell’arredamento e home design.
Non da ultimo va considerata la possibilità, anche per piccole realtà, di considerare l’opportunità di ampliare il proprio orizzonte con la vendita all’estero: secondo lo studio dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm Politecnico di Milano, anche le vendite da siti italiani a clienti stranieri tendono a crescere in modo costante, soprattutto in settori quali il turismo (42%), l’abbigliamento (38%), ma anche l’arredamento, l’home living e il Food&Grocery.
Ti interessa intraprendere un progetto E-commerce? 
Affidati a noi, costruiremo insieme un progetto su misura per valorizzare la tua attività e vendere online!