+39 0376 369728 [email protected]

Trai vantaggi competitivi dai mercati esteri con il tuo store online

L’Italia è un Paese il cui tessuto lavorativo è basato fortemente sulle Piccole e Medie Imprese e sull’esportazione di prodotti di alta qualità. Il processo di internazionalizzazione di un business, di conseguenza, è quasi connaturato alle esigenze e alla professionalità, oltre che all’offerta delle imprese italiane, quasi per natura votate ai mercati internazionali. Questo processo è quindi una leva molto potente per aumentare la competitività e la crescita di un’impresa. Ma servono strategie precise e mirate.

Come si attua una strategia di internazionalizzazione? E come la si concilia con una strategia digitale? In realtà, questi due piani sono legati molto più di quanto potresti pensare. La tua strategia di Digital Marketing può infatti aiutarti a far conoscere il tuo business all’estero e a rendere più presente la tua impresa sui mercati internazionali, facendola conoscere innanzitutto online e dando a tutti la possibilità di entrare in contatto con te.

Uno dei passi più importanti, in questo senso, è quello di realizzare un e-commerce in ottica di internazionalizzazione, strutturato per sostenere questo passo così importante, partendo dalla conoscenza del mercato di riferimento, del target cui ci si rivolge e delle sue specifiche esigenze, proponendo poi ciò di cui ha bisogno in modo mirato e user friendly.

 

La strategia di internazionalizzazione digitale

Senza strategia non si va da nessuna parte, soprattutto in un mondo digital. In particolare, il processo di internazionalizzazione spalanca porte e prospettive totalmente nuove, ma ha anche (come tutti i business) i suoi rischi e le sue difficoltà. In questo senso, pianificare e programmare significa ridurre questi rischi al minimo possibile, in modo da cogliere invece le possibilità che un mercato apre al proprio business.

Ci sono chiaramente tantissimi elementi che vanno presi in considerazione nel momento in cui si decide di internazionalizzare il proprio business, anche nel momento in cui si prepara un e-commerce rivolto ai mercati esteri. Ad esempio, per citarne alcuni:

  • Lo studio del mercato di riferimento
  • L’analisi del target cui ci si rivolge
  • L’impostazione dei corretti KPI
  • La coerenza dei prodotti offerti sul mercato estero e la diversificazione della proposta
  • La raccolta e la gestione dei contatti
  • La logistica per l’invio della merce

La realizzazione di un e-commerce dedicato al mercato estero deve essere intrapresa con la stessa serietà con cui si gestiscono questi processi, avendo sempre in mente una visione globale del progetto. Spesso questa viene vista come un’attività poco importante, e quindi fatta al risparmio o da entità che non sono davvero professionisti. L’e-commerce è una vetrina sulla nostra attività. Se scegliamo di intraprendere questa strada, occorre pianificarla con cura, dedicando il giusto tempo e le giuste risorse.

Non è infatti possibile entrare in un mercato estero prescindendo da un’ottima web reputation aziendale, cui gli store online concorrono in gran parte.

 

Tipologia di mercato e strumenti

La strategia di internazionalizzazione che si vuole adottare, anche per il proprio e-commerce, dipende ovviamente anche dal tipo di mercato che si vuole penetrare e dal modo in cui lo si vuole fare – oltre, ovviamente, a considerare se si sta entrando per la prima volta o se si vuole consolidare la presenza.

Possiamo considerare una prima fase quella della semplice apertura del mercato, in cui ci preoccupiamo di mantenere sostanzialmente l’e-commerce che già abbiamo, fornendolo di spedizioni internazionali di buon livello e con sistemi di pagamento validi a livello mondiale. Questo potrebbe essere il primo gradino di una strategia graduale che porterà poi a proporre sul mercato contenuti del sito tradotti e aggiornati, pensati specificamente per quel pubblico.

A questo punto si tratterà di proporre una strategia di vendita e promozione dedicata ai clienti del nuovo mercato, per arrivare quindi a proporre una strategia di gestione del mercato in modo localizzato e il più possibile specifico.

Un e-commerce adatto a una strategia di internazionalizzazione deve prevedere perlomeno le seguenti caratteristiche:

  • Una User Experience di alto livello, intuitiva e rapida, che permetta facilmente di trovare i prodotti di cui si ha bisogno, selezionarli e procedere all’ordine nel minor tempo possibile e senza “frizioni”
  • Un’interfaccia grafica pulita e intuitiva, che comprenda però tutto ciò di cui si ha bisogno
  • Un approccio, ormai imprescindibile, mobile first
  • Testi ottimizzati in ottica SEO e di fruizione da parte del target locale
  • Metodi di pagamento internazionale e a cui i clienti locali sono abituati
  • Servizio di spedizione puntuale e internazionale
  • Possibilità di contattare facilmente il servizio clienti in caso di bisogno

 

Quali strumenti di Digital Marketing adottare?

Un e-commerce dal respiro internazionale, come detto, può dare risultati migliori e più efficaci, soprattutto nel lungo periodo, se inserito in una strategia globale di Digital Marketing seria e studiata in modo professionale. Gli strumenti digitali possono infatti aiutarti a spingere il tuo portale online, portando contatti, lead qualificati, prospect davvero interessati all’acquisto o alla conversione. Un meccanismo insomma che funziona nel migliore dei modi quando tutte le parti sono state studiate con attenzione. Ad esempio saranno utili strumenti come:

  • Invio di newsletter mirate a portare traffico ma anche a far conoscere il nostro brand all’estero
  • Struttura del sito e realizzazione di contenuti specifici per il target, oltre che preparazione di landing page dedicate
  • SEO in lingua per migliorare la posizione del sito e del portale sui motori di ricerca – quelli più in uso nel paese di destinazione
  • Servizio clienti e customer care dedicata

 

Approfitta del bando di Regione Lombardia

Sei una PMI lombarda? Adesso hai un motivo in più per internazionalizzare il tuo e-commerce! Regione Lombardia ha infatti predisposto il bando E-commerce 2020: nuovi mercati per le imprese lombarde.

Il bando prevede un contributo a fondo perduto di massimo 10.000 euro a parziale copertura delle spese sostenute (al netto di IVA) per tutte le PMI che intendono realizzare o aggiornare il proprio e-commerce in ottica di internazionalizzazione. Alcune delle spese sostenibili sono, ad esempio, l’analisi di fattibilità del progetto, la formazione del personale, l’acquisizione e l’utilizzo di forme di smart payment, la realizzazione di una strategia di comunicazione e molto altro ancora.

Vuoi aderire al bando per approfittare di un’occasione unica per aumentare la competitività della tua impresa? Contattaci, e ti daremo tutte le informazioni necessarie, oltre a fornirti i servizi previsti dal bando.

Affrettati! La domanda va presentata entro l’11 settembre 2020.

 

CONTATTACI ORA!