Posizionamento sui Motori di Ricerca, grafica web e programmazione

Facebook Marketplace: una vetrina per la compravendita tra utenti

Postato il 6 novembre 2017

Da qualche mese anche in Italia è disponibile Marketplace, la nuova feature di Facebook per la compravendita di oggetti tra utenti. Una volta cliccato sulle apposite icone, sarà possibile accedere ad un vero e proprio mercato, in cui saranno visibili annunci compatibili con i nostri interessi. Gli annunci verranno organizzati da Facebook in base ai nostri interessi, seguendo quindi le interazioni con le pagine a cui abbiamo messo un like; queste preferenze verranno integrate con le ricerche che facciamo sul Marketplace stesso, che è dotato di un motore interno in grado di restituire risultati filtrati per categorie di prodotto, prezzo e distanza geografica tra venditore e compratore.

La trattativa viene gestita direttamente tra gli utenti coinvolti, ai quali spetta il compito di fissare il prezzo finale e la modalità di invio del bene acquistato. Marketplace ha delle regole, simili a quelle che già ci sono per i gruppi in cui gli utenti si scambiano oggetti di vario tipo, e che rientrano negli standard della comunità del social network. Perciò è vietato vendere e comprare droga, armi, animali, articoli per adulti e, in generale, oggetti illegali.

Mary Ku, capo del Project Management di Facebook, ha spiegato come Marketplace sia nato poiché “oltre 450 milioni di persone visitano ogni mese i gruppi di compravendita di Facebook, e il Social Network voleva rendere più semplici ed efficaci gli scambi.” Con l’introduzione di Marketplace l’obiettivo di Facebook è fornire agli iscritti un luogo dedicato dove poter svolgere queste compravendite.

Il modello non è dunque esattamente quello di eBay: Facebook Marketplace è solo una vetrina, dove una volta trovato l’articolo interessante le persone si scambiano messaggi attraverso la chat di Messenger per trovare un accordo. Facebook ha dichiarato che nei primi 9 mesi il numero di conversazioni private tra potenziali acquirenti e venditori negli Usa sia aumentato del 77% , e più di 18 milioni di nuovi articoli vengono messi in vendita ogni mese. Facebook Marketplace è dunque più simile a un portale come Subito.it, dove nel 2016 si sono registrate più di 30 milioni di pagine visitate ogni giorno, e più di 110 mila nuovi annunci ogni 24 ore.

Vuoi sapere di più su come utilizzare i Social per aumentare il tuo business? Affidati a Nur! Contattando l’azienda avrai a tua disposizione professionisti che ti forniranno tutte le risposte!

Categorie: News | Nessun commento »

Oggi parliamo di: Inbound Marketing

Postato il 17 ottobre 2017

Se ne sente tanto parlare, ma cosa intendiamo esattamente con “inbound marketing”?

L’inbound marketing nel corso degli anni è diventato uno dei metodi più efficaci di business online, se non il più efficace. Si fonda sul concentrare l’attenzione sulla creazione di contenuti di qualità con l’obiettivo di attirare utenti al sito o all’azienda stessa. Tali contenuti sono funzionali ad accompagnare naturalmente gli utenti interessati verso la soluzione che stanno cercando.

Quale differenza quindi con i tradizionali metodi di marketing? E’ molto semplice: l’inbound marketing non è invasivo, ma piuttosto punta ad attirare il pubblico già interessato alla materia e che quindi sarà decisamente più facile convertire in clienti e promotori del business.

Il consumatore dell’era di internet infatti si appoggia quasi completamente alla rete, non solo perché acquista online, ma anche per informarsi, tramite recensioni di altri utenti e pareri di esperti di settore, su prodotti e servizi a cui è interessato.

L’inbound marketing ha compreso questo meccanismo e lo volge a proprio vantaggio. È un tipo di marketing che, rispetto al modello classico fatto di passaggi pubblicitari online e offline, presenta vantaggi quali:

  • Il contenimento dei costi. Fulcro dell’inbound è infatti la creazione di contenuti di qualità.
  • I clienti che raggiungono i nostri contenuti sono già interessatial prodotto/servizio offerto e si stanno informando meglio.
  • Il legame di fiducia che si crea con i prospect e i clienti a fronte di contenuti di qualità. Questa fiducia si tramuta anche in promozione da parte loro verso nuovi lead.

Sulla carta appare tutto molto semplice. Ma concretamente, come funziona? Serve un’ottima presenza online, per farsi trovare dove il cliente cerca. Ecco perché per gli inbound marketer è importante anche un’ottima conoscenza di SEO e del posizionamento sui Motori di Ricerca, ma non solo: anche i Social Media al giorno d’oggi giocano un ruolo determinate nelle scelte d’acquisto degli utenti.

Il processo di inbound marketing può essere diviso in quattro distinte fasi, basate sui passaggi di fidelizzazione degli utenti.

La prima fase mira ad attrarre gli utenti, trasformandoli in lead (utenti potenzialmente interessati a un prodotto o servizio, ma che non hanno ancora realizzato l’acquisto stesso). In questa prima fase il fulcro è dunque farsi trovare dagli utenti. Per far ciò esistono molti modi, quali ovviamente la SEO e la ricerca delle giuste parole chiave, che testimoniano come, con la giusta ottica, sia fondamentale sapersi posizionare sul web.

Esiste anche la local SEO, ovvero il posizionamento dell’azienda su piattaforme e/o social network che utilizzano funzioni di geolocalizzazione come ad esempio Google Maps, Foursquare, Twitter, Instagram e Facebook. Sono inclusi in questo tipo di marketing anche portali come TripAdvisor e Yelp, dove gli utenti possono lasciare le proprie recensioni. Questo tipo di posizionamento è importante nell’ottica di un momento storico in cui gli utenti cercano servizi quali negozi, ristoranti, cinema in base alla zona geografica in cui si trovano.

Un altro modo indispensabile per affidarsi all’inbound marketing è farsi trovare sui Social Media. I loro strumenti di segmentazione e targeting sono sempre più sofisticati è i Social Network rappresentano quindi un’ottima risorsa per profilare i futuri prospect.

La seconda fase che caratterizza l’inbound marketing serve a convertire i lead, ovvero utenti potenzialmente interessati all’acquisto di servizi o prodotti, in prospect, ovvero utenti effettivamente interessati all’acquisto di servizi o prodotti. Questa fase si concretizza sfruttando l’attenzione degli utenti ai contenuti prodotti. Si verranno a creare delle call to action accattivanti che spingono gli utenti ad approfondire ulteriormente l’argomento.

Queste indicazioni possono essere usate ovunque sul sito web, sul blog o sui social, l’importante è che siano il più specifici possibile. L’ideale è posizionarli in fondo ad articoli di blog inerenti a ciò che gli utenti stanno cercando.

In seguito necessaria è una landing page dedicata con un modulo contatto da compilare. La form, serve per registrare le informazioni di contatto degli utenti (principalmente l’email), su cui si potrà successivamente andare a creare una mailing list di potenziali clienti a cui proporre delle nuove offerte. Ovviamente nessuno fornisce i propri dati liberamente, occorre dare qualcosa in cambio! Ecco quindi che si può offrire lo scaricamento gratuito (ovviamente a seguito della compilazione del form) di un prodotto (un ebook, una presentazione slideshow, un video corso) pertinente a ciò che l’utente sta ricercando.

La fase successiva mira all’ulteriore conversione dei prospect in clienti che acquistano a tutti gli effetti. È fondamentale in questa fase valorizzare i prodotti e/o servizi offerti, attraverso contenuti specifici curati e studiati appositamente.

Le fasi appena descritte sono riassumibili in: TOFUMOFUBOFU, ovvero TOpMiddle e BOttom of the FUnnel.

Top of the funnel, è letteralmente la parte superiore dell’imbuto, dove cioè viene creato il contenuto per attirare i visitatori. Nella fase Middle of the funnel (la parte centrale dell’imbuto), dove si offrono contenuti superiori in cambio di informazioni di contatto. Il Bottom of the funnel (la base dell’imbuto) chiude il ciclo di vendita. Trasformando gli utenti in clienti effettivi.

Seguendo il funnel quindi ho effettuato un’attività di inbound marketing completa? Tutt’altro. La parte spesso considerata più complessa, ma quella fondamentale, resta fidelizzare il cliente, per stimolare ulteriori acquisti, e trasformarlo sempre di più in un promotore dell’azienda e dei prodotti o servizi acquistati.

Come fare? Ad esempio con sondaggi mirati e poco invasivi (per capire le necessità dei clienti), tramite i Social Media (in cui è possibile restare a contatto diretto con gli utenti rispondendo ai loro quesiti e ai loro commenti) e infine osservando attentamente le recensioni, prendendo atto di quelle negative (e rispondendo con educazione e criterio) e ringraziando per quelle positive.

L’inbound marketing infatti funziona davvero se la mia azienda riesce ad instaurare un rapporto intimo con i clienti e a differenziarsi dalle aziende concorrenti sia per la qualità di questo legame, sia per l’offerta di prodotti o di servizi che si mantengano qualitativamente superiori.

Sei interessato a sapere come impostare una strategia di Inbound Marketing per la tua azienda? Contatta Nur! Potrai elaborare un piano efficace che porterà nuovi clienti e amplierà il tuo business!

Categorie: News | Nessun commento »

Non solo Desktop: l’esigenza di una attenta strategia di SEO mobile

Postato il 3 ottobre 2017

Ad oggi un dato condiziona certamente le campagne di Web Marketing: più del 60% delle ricerche Web non si effettua tramite PC ma viene fatto con dispositivi portatili. Ciò significa che dedicare tempo ed energie ad una efficace e corretta SEO mobile è ormai fondamentale per tutti. Anche Google, notato questo cambiamento, ha iniziato a dare una valutazione ai siti in base alla provenienza dei risultati delle ricerche. In pratica Google analizza le caratteristiche dei siti mobile oriented e valuta diversi parametri che ne determinano la qualità, come scelta dei contenuti, velocità della pagina, struttura del sito, e questi andranno a determinare il posizionamento in Google lato sia desktop che mobile.
Poiché appunto oltre la metà delle ricerche proviene da dispositivi portatili, questa scelta risulta coerente e molto interessante; nasce quindi l’esigenza di focalizzarsi sulla SEO mobile, cercando di “accattivarsi” l’attenzione di Google e allo stesso tempo evitare eventuali penalizzazioni in caso di mancato rispetto dei criteri dedicati al mobile.

Quale risulta quindi la prima cosa da fare? Di certo controllare innanzitutto che le pagine del sito siano adatte ad una visualizzazione sui diversi dispositivi portatili. Un consiglio sempre utile è evitare l’utilizzo del Flash, che solitamente non è supportato dai browser per mobile e che sta passando di moda anche per la visualizzazione tramite desktop. Inoltre va visionata con attenzione l’area di visualizzazione (viewport) per poter gestire la visualizzazione in base alle dimensioni del display dei diversi supporti, siano essi desktop di PC, smartphone o tablet; altro valore fondamentale è che siano adeguati la dimensione del testo e di ogni elemento del sito.

Attenzione all’ottimizzazione del tempo di caricamento: la metà degli utenti che accedono da mobile abbandona il sito dopo circa tre secondi se la pagina non è stata correttamente e interamente caricata. La velocità è quindi un parametro fondamentale, che può essere influenzato anche dalla scelta di utilizzare immagini compresse e adeguate, per alleggerire il carico sulla pagina.

E per quanto riguarda le keyword? Le parole chiave che le persone utilizzano per la ricerca sui dispositivi portatili sono differenti da quelle per le ricerche da desktop. Questo perché le ricerche dell’utenza mobile hanno di solito carattere di urgenza: servono per le indicazioni stradali o per trovare attività nelle vicinanze, e proprio per questo spesso si tratta di ricerche vocali.
Necessario quindi avere a disposizione dati sul rapporto tra il volume delle ricerche desktop e quello delle ricerche mobile in riferimento a specifiche parole chiave, oltre a focalizzarsi sulle parole chiave che possono essere incluse in un gran numero di ricerche per il velocissimo mondo mobile.

Proprio perché le ricerche da mobile sono caratterizzate da velocità e urgenza la posizione degli utenti che effettuano ricerche influenza in modo determinante i risultati. Secondo Google infatti, l’80% delle ricerche nelle vicinanze dell’utente è di tipo mobile, per cui è fondamentale, in ottica SEO mobile, configurare il proprio sito per la ricerca locale, ancora di più se si tratta di attività commerciali come negozi, farmacie, centri commerciali o ricettive come ristoranti, alberghi e pizzerie. Utile in questo senso inserire foto di qualità, corrispondenti alla realtà e utili a far avere agli utenti un’idea precisa della posizione e dell’attività.

La SEO mobile quindi non può più essere relegata a un servizio secondario, a cui dedicarsi nei tempi rimasti dalla realizzazione e ottimizzazione di un sito Web, ma richiede cura e grande attenzione.

Per valorizzare ancora di più la tua azienda e dedicarti con attenzione alla SEO mobile, contatta i professionisti Nur: il tuo progetto non trascurerà nessun particolare e il tuo sito mobile sarà efficace e utile per i tuoi potenziali clienti!

Categorie: News | Nessun commento »

Realtà virtuale: Google lancerà un format per gli adv

Postato il 25 settembre 2017

Con la realtà virtuale di Google le esperienze sono alla portata di tutti in un modo semplice ed economico. La realtà virtuale è una simulazione realistica di una realtà che non esiste.  In pratica, la mente sa che è tutto finto, ma forse solo all’inizio: poi il divertimento prende il sopravvento. Interessante sottolineare che Google ha annunciato di voler inserire nella realtà virtuale spazi pubblicitari per la promozione aziendale, segnale che evidentemente questo fenomeno sta interessando sempre più persone e fette di mercato.

Il nuovo formato pubblicitario è ancora in fase di sperimentazione ed evoluzione, ma anche se i tempi di arrivo sul mercato non sono ancora noti la certezza è che si farà. Ad annunciare ufficialmente l’arrivo della pubblicità all’interno della realtà virtuale sono stati proprio i vertici di Google su blog. L’idea è di far apparire l’inserzione come una sorta di cubo capace di reagire in modo immediato e diretto all’interazione con l’utente.

Sarà un format Adv per dispositivi mobile e nasce allo scopo di trarre ricavi dalle applicazioni VR per finanziarne la creazione e l’ulteriore sviluppo. Presto potrete dunque portare i vostri video promozionali (che si potranno però saltare) all’interno di questa nuova dimensione dal grande potenziale di engagement.

Vuoi essere aggiornato su tutte le ultime novità per la promozione della tua azienda? Vuoi affidarti a Professionisti formati e sempre aggiornati in ambito Web? Contatta Nur, da anni Google Partner! Sarà possibile realizzare un progetto su misura in base alle esigenze della tua azienda.

Categorie: News | Nessun commento »

Cosa serve per un’efficace strategia di Social Media Marketing?

Postato il 1 settembre 2017

Quali sono i segreti delle aziende che “funzionano” sui Social? Il successo di una strategia sui Social Media non è mai casuale, ma sempre frutto di un’attenta analisi del contesto di riferimento e di una corretta pianificazione delle azioni da intraprendere.

È infatti necessario individuare il target di riferimento, definire degli obiettivi specifici e raggiungibili e verificare costantemente i risultati raggiunti al fine di migliorare la performance.

Quali suggerimenti è possibile imparare dalle campagne di successo se abbiamo un’azienda e vogliamo costruire una solida strategia sui Social Media

Innanzitutto un punto fondamentale: la scelta dei canali giusti. La definizione di target e obiettivi in funzione del contesto aziendale è fondamentale per il successo di una strategia sui Social Media. Partendo da questo presupposto è necessario capire quali canali utilizzare e come utilizzarli al meglio. Essere presenti su tutti i social network, scelta proposta da molte aziende perché considerata vincente, non è solo inutile ma anche controproducente.

Social Media utilizzati devono essere costantemente “studiati” per poterne sfruttare le nuove funzionalità. Dopo aver scelto i canali più adatti al nostro business si dovrà redigere un piano editoriale in modo tale da dare continuità alla nostra presenza sui Social.

Come in tutti i settori, anche sui Social Media studiare le aziende che hanno successo si rivela sempre molto utile per avere più elementi sui quali orientare le proprie scelte strategiche. Quindi, perché non farlo?

Importante è comprendere inoltre il valore della velocità: i Social Network hanno cambiato le modalità d’interazione tra utente e azienda e la parola d’ordine non è solo qualità ma anche, necessariamente velocità. I canali dovrebbero essere presidiati il più possibile e il tempo di risposta ai quesiti andrebbe ridotto, senza sottrarsi mai a domande scomode né, tanto meno, eliminare post contenenti critiche. Rispondere in modo costruttivo e aperto restituirà agli utenti un’immagine onesta e trasparente, rivelandosi vincente.

Tali caratteristiche però non devono mai andare a discapito della qualità dei contenuti che rappresentano la benzina di tutte le attività di marketing. È dunque opportuno prestare la massima attenzione a ciò che si scrive e puntare a contenuti originali ed interessanti per il proprio target, inseriti all’interno di una solida content strategy e un calendario editoriale.

Infine, la fase, indispensabile, di analisi dei risultati. Una campagna vincente sui Social dipende necessariamente dal monitoraggio di ogni singola attività, fase che è resa possibile da molto strumenti di analisi e che dà i migliori risultati, in termini di proposte e miglioramenti, se affidata a professionisti del settore.

Attenzione, conoscenza degli strumenti, velocità e qualità, analisi: pronti per avere successo sui Social??

Per scoprire tutto sul mondo dei Social Media e migliorare i tuoi risultati di business contatta Nur! Verrai guidato in un progetto personalizzato che ti darà risultati sempre più performanti!

Categorie: News | Nessun commento »

E-commerce, cosa c’è da sapere per vendere in Cina

Postato il 21 agosto 2017

Un miliardo e 357 milioni di potenziali clienti, un mercato in rapidissima espansione in un contesto socio-politico che sta vivendo l’euforia di un boom economico senza precedenti, 270 miliardi di euro di fatturato nei primi sei mesi del 2015 (con una crescita del 42,8% sullo stesso periodo dell’anno precedente): è l’e-commerce in Cina, nuova frontiera di espansione per i prodotti occidentali in un Paese che ha fame dell’alta qualità e della sicurezza offerti dal “made in”.

Se le possibilità, sbarcando in Cina con un negozio virtuale, sembrano essere illimitate, bisogna però anche fare i conti con una realtà profondamente diversa. A partire da quella demografica. Secondo uno studio sull’e-commerce realizzato da Ecommerce Europe infatti, al momento solo il 51% della popolazione ha accesso a Internet, con una preponderanza di uomini e una predominanza della fascia d’età 20-29 anni, anche se significativo è l’incremento di accessi da parte degli over 60. Per quanto riguarda la richiesta di prodotti, invece, secondo il report a fare la parte del leone sono articoli casalinghi e per il giardinaggio, mentre l’abbigliamento si piazza in seconda posizione (con un incremento del 24,3% nel 2016 rispetto al 2015) e le calzature (con un fatturato di circa 51 milioni di dollari) al terzo. Seguono i settori hi-tech, telefonia e intrattenimento. Nei servizi, invece, a ottenere online il maggiore successo sono la prenotazione di viaggi (74%), il trasporto merci e le assicurazioni. In ambito e-commerce i consumatori cinesi danno moltissima importanza all’autenticità del prodotto, che consente la fidelizzazione del cliente grazie alla garanzia offerta dal brand: è quindi indispensabile indicare chiaramente la dicitura “made in” accanto ai prodotti venduti, pena l’insorgenza nell’acquirente del dubbio sull’autenticità dell’articolo.

Inoltre, mentre gli operatori europei prediligono il contatto più tradizionale con i clienti (ad esempio via mail), in Cina si preferisce puntare sul mobile (con numero telefonico e instant messaging). I clienti cinesi si aspettano poi di ricevere assistenza via chat durante il processo di acquisto, e di trovare online le recensioni dei prodotti. Oltre, naturalmente, a richiedere di poter scegliere tra diversi metodi di pagamento, da Alipay a WeChat Pay, passando per il contrassegno e i pagamenti rateali. E se in Occidente è essenziale che venga offerta l’opzione “regalo”, in Cina su Alipay e WeChat la dicitura si trasforma in “pagato da altri”: una differenza che, sebbene possa sembrare minima, a livello culturale può essere enorme. E proprio la differenza culturale richiede anche uno sforzo di personalizzazione dell’e-commerce per la clientela cinese: se ad esempio due tra i più noti brand di lusso come Armani e Tod’s hanno adottato lo stesso look & feel digitale per il sito americano e quello cinese, prediligendo la coerenza d’immagine, “Burberry – spiega Massimo Fubini, CEO di Contactlab  –  ha fatto un ulteriore sforzo per personalizzare il contenuto del sito per i consumatori cinesi. Ad esempio, recentemente è stata scelta come testimonial la pop star Kris Wu e il risultato è stato un incremento delle vendite tra i consumatori locali”.

Dunque è essenziale anche una selezione dei metodi di comunicazione e la localizzazione dei contenuti, per adattarli con efficacia a un mercato così diverso come quello cinese.

Sei interessato ad un e-commerce con la Cina ma non sai come muoverti? Vuoi conoscere la piattaforma VIABRERA per vendere in CinaContatta i professionisti Nur e sarai seguito in ogni step!

 

Categorie: News | Nessun commento »

Video e Social: un amore in continua evoluzione

Postato il 4 agosto 2017

L’attenzione dei Social per il mondo dei video è sempre più grande e in continua evoluzione. Per trattenere utenti, ma anche per spingere le revenue generate da advertising. Facebook e Twitter fanno sul serio. In linea con la nuova tendenza annunciata da Mark Zuckerberg di voler trasformare l’azienda in media company, il sito sta esplorando la possibilità di investire su una vasta gamma di formati, accordandosi con media company, ma anche singoli utenti.

Dopo aver introdotto i video in diretta, ecco un altro passo avanti. Questa volta si parla addirittura della possibilità di uno sbarco nella produzione di contenuti. Anche se con molti distinguo. Del resto l’azienda finora non intende fornire dettagli. Secondo quanto riportato da alcune testate Usa Ricky Van Veen, Head of global creative strategy, sta portando avanti una serie di trattative – sia con società di media sia con singoli soggetti – per garantirsi la possibilità di utilizzare “show”: sia già vincolati da licenze, sia ancora in forma di soggetti. L’obiettivo è la sperimentazione di nuovi formati, più che la produzione in grande stile alla Netflix. “Il nostro obiettivo – ha detto Van Veen – è lanciare un ecosistema di contenuti partner: a questo scopo stiamo esplorando le modalità di finanziamento di alcuni tipi di contenuto, sia con che senza licenza, in grado di sfruttare le opportunità offerte dal mobile e l’interazione sociale propria di Facebook”.

Anche Twitter si dà da fare su questo fronte. La piattaforma di microblogging offre ora anche filmati in diretta a 360 gradi per guardare da smartphone e tablet contenuti con cui è possibile interagire. Un modo per coinvolgere di più i suoi utenti e soprattutto per cercare di non perdere colpi sul fronte caldo dei video online rispetto a una concorrenza molto agguerrita che va da YouTube a Instagram. Tutti gli utenti di Twitter e Periscope potranno visualizzare le dirette video nel nuovo formato, ma al momento soltanto partner selezionati potranno lanciarle. I live a 360 gradi saranno riconoscibili con un apposito “bollino” e gli utenti non dovranno far altro che muovere lo smartphone per esplorare le varie angolazioni.

Le dirette video in streaming stanno diventando sempre più pervasive. La funzione ha da poco debuttato su Instagram, oltre che su Facebook. YouTube invece è un passo avanti a Twitter e Facebook: ha portato l’altissima risoluzione nelle dirette video con il supporto alla risoluzione 4k anche negli streaming live di filmati, sia normali che a 360 gradi. Alessandro Sabatelli, ex designer di Apple che da luglio 2016 dirige le operazioni su realtà virtuale e realtà aumentata di Twitter, ha spiegato che sarà possibile “guardare che cosa succede dietro le quinte dei grandi eventi”. Chiunque da Twitter e Periscope può vedere i video live 360 ma solo partner selezionati possono per ora mettere in diretta i video 360 su Periscope. I video dunque non sono “editati” come farebbe un giornale, ma a crearli devono essere gruppi dei media, aziende o personaggi che hanno accordi con Twitter.

Come sfruttare i video per i tuoi contenuti sui Social? Affidati ai professionisti Nur, e arricchire di video i tuoi profili Social ti consentirà di ampliare il tuo business!

Categorie: News | Nessun commento »

Chi segue un brand sui Social, è già pronto per l’acquisto

Postato il 24 luglio 2017

I social media cominciano a diventare uno strumento di acquisto, soprattutto per gli appassionati di design, di brand del settore lusso e per i fashion addicted. È uno dei messaggi chiave che è emerso dalla ricerca Doxa sulle opportunità di Instagram e Facebook per le aziende della moda e lusso. L’analisi è stata realizzata in tre step su tre campioni appassionati di moda, prima, durante e dopo l’ultima Milano fashion week di settembre 2016. Secondo i dati relativi ai comportamenti nel periodo delle sfilate, è emerso che il 52% del campione ha iniziato a seguire un brand, e, soprattutto, che il 42% ha utilizzato immagini per ispirarsi su acquisti futuri e l’85% è propenso ad acquistare nei prossimi mesi un brand che ha iniziato a seguire.

Sylvain Quernè, head of marketing di Facebook, ha messo a confronto i dati del settembre 2016 con quelli dello stesso mese nel 2015: ne è emerso che il numero delle conversazioni a proposito della Milano fashion week è raddoppiato, l’upload delle foto è aumentato del 5%, mentre i video del 23 per cento. Da ultimo, emerge nuovamente che fashion is mobile, con l’83% dei contenuti creati e caricati da dispositivi mobili.

La ricerca ha consentito di individuare altre caratteristiche e chiavi comportamentali degli appassionati di moda e lusso sui social. Per quanto all’identikit, è emerso che il 61% del campione è di sesso femminile e di età compresa per la maggior parte tra i 25 e i 34 anni (a seguire, c’è la fascia 35-54). In termini di abitudini, il 43% utilizza lo smartphone, che si conferma  lo strumento preferito perché veloce, immediato e sempre presente; il 52% interagisce con i brand del lusso e della moda guardando video e live, dato che conferma l’importanza sempre crescente di questa tipologia di contenuti, insieme alle immagini, con il 32% del campione che ha dichiarato di leggere una notizia sui social perché attirato dalla foto.

Chi segue un brand sui Social quindi, è già predisposto all’acquisto. Un dato decisamente interessante per le aziende di ogni settore che vogliano sfruttare l’enorme visibilità e notorietà offerte dai Social Media.

Come organizzare al meglio una campagna Social e gestire le tue pagine business? Contatta Nur e avrai una soluzione su misura per la tua azienda!

Categorie: News | Nessun commento »

Content Marketing: una strategia per il successo

Postato il 23 giugno 2017

Quando parliamo di Content Marketing ci riferiamo a una tipologia di marketing che prevede la creazione e condivisione di media e contenuti editoriali al fine di acquisire clienti e monetizzare un sito web. Le informazioni possono essere veicolate tramite una varietà notevole di tipologie, tra cui news, video, e-books, infografiche, guide, articoli e foto.

Per mettere in atto un’azione efficace è necessario ponderare una strategia precisa che preveda contenuti di valore e l’individuazione del target su cui veicolarli. Poche aziende però ne sono consapevoli e sono preparate sull’argomento. Infatti dati alla mano consultando i 2,73 milioni di blog post pubblicati ogni giorno solo il 38% delle aziende dichiara di avere una strategia di content marketing (dati relevance.com). MailUp ha pubblicato di recente una guida metodologica scritta in collaborazione con Francesco De Nobili (docente all’Università di Bologna e responsabile di comunicazionelavoro.com) dedicata alle aziende e utile per sfruttare i contenuti con l’obiettivo di incrementare le conversioni, attirando e coinvolgendo nuovi prospect.

Nella struttura del piano assume un ruolo importante la scelta degli obiettivi, che devono essere specifici per poter dare una direzione chiara all’attività. Secondo i dati MailUp, il 53% dei marketer B2B cita la lead generation come obiettivo primario delle attività di content marketing. Fondamentale anche definire gli argomenti da proporre attraverso un’attenta fase di ricerca al fine di creare messaggi chiari e univoci e redigere un piano editoriale con il relativo calendario.

Obiettivi diversi, contenuti diversi.

Portare l’utente a compiere un acquisto sul proprio sito è un’operazione graduale. Generalmente si parte con la fidelizzazione dei nuovi utenti, che avviene per mezzo di contenuti scritti sul blog, infografiche e post sui social media. È necessario poi accrescere la fiducia che gli utenti hanno nel nostro lavoro, e per fare ciò servono dei contenuti più articolati, come Landing page, Ebook, White paper, Webinar e Corsi.

Si può passare quindi alla fase della cosiddetta conversione, ossia al momento in cui l’utente fa seguire al clic sul sito un acquisto. Tale meccanismo viene comunemente rappresentato per mezzo del “funnel” (termine inglese che significa “imbuto”), che va dall’engagement alla conversione.

Vuoi sapere di più su come organizzare al meglio i contenuti e fidelizzare i tuoi clienti? Contatta Nur e insieme ai professionisti elaborerai una strategia di sicuro successo!

Categorie: News | Nessun commento »

I Micro momenti: la nuova frontiera del marketing digitale

Postato il 5 giugno 2017

I micromomenti sono quegli istanti nell’arco della giornata in cui si manifesta una necessità, un bisogno o una curiosità che vengono soddisfatti tramite una consultazione online.
La conquista di tali micro momenti è divenuta, secondo Google, il nuovo terreno di sfida dei marketer (digitali e non).

L’imperativo categorico del marketing (non solo del real time marketing) è infatti quello di presidiare tutti i punti di contatto (touchpoints) del processo decisionale dell’utente, in qualunque istante si manifestino. La soddisfazione del bisogno nei micromomenti avviene prevalentemente tramite la consultazione dello smartphone che è il device sempre più presente nella vita dei millennials.

I micro momenti sono diventati così importanti nel marketing perché l’avvento del mobile (ricordiamo che stando alle dichiarazioni di Google, in dieci mercati fra i quali quello degli USA le ricerche da dispositivi mobili, hanno già superato le ricerche da desktop) ha stravolto completamente il modo di ricercare, di informarsi e di soddisfare i bisogni, sia che si tratti di necessità e decisioni di acquisto poco rilevanti, sia che si tratti di scelte importanti.

Il trend è in continua ascesa e, senza avere la bacchetta magica, si può asserire che presto le percentuali di ricerche e di navigazioni “mobile” supereranno di gran lunga quelle da desktop anche nel resto del mondo connesso. Pensare mobile first non significa solo realizzare siti ed e-commerce progettati per dispositivi portatili (responsive o mobile) ma significa rivisitare completamente l’esperienza dell’incontro dell’azienda con un utente che risulta totalmente differente.

L’era del web mobile e l’avvento della generazione C (quella degli utenti sempre connessi) hanno stravolto anche le modalità con cui si effettua la ricerca: se prima le decisioni importanti venivano prese o condivise in momenti specifici della giornata ed in orari prevedibili e lo strumento utilizzato per scegliere, informarsi e comparare era il desktop, oggi sempre più spesso, le ricerche diventano frammentate ed avvengono in orari imprevedibili (durante le attese in una fila, durante un viaggio in metro etc…). Avere un cellulare a portata di mano cambia anche il modo di agire delle persone diventate sempre più multitasking.

Sono stati individuati quattro specifici tipi di micromomenti.

I-Want-to-Know Moments: voglio sapere

Il nostro utente è in fase esplorativa, non vuole acquistare (almeno per ora) ma è in cerca di informazioni o intende soddisfare una curiosità. Si tratta di un’esigenza che può manifestarsi in qualsiasi periodo della giornata e può essere innescata da qualsiasi evento.
Il 66% del campione scelto da Google afferma di informarsi sul cellulare in merito alle novità di cui viene a conoscenza tramite la pubblicità televisiva.

I-Want-to-Go Moments: voglio andare

Il nostro potenziale cliente cerca un negozio o un’attività vicina (qui l’intenzione di acquisto è più evidente). Se si riesce a mostrarsi in tali momenti, le probabilità di essere preso in considerazione aumentano notevolmente.

I-Want-to-Buy Moments: voglio acquistare

Per farsi trovare con la giusta proposta bisogna necessariamente esserci.

I-Want-to-Do Moments: voglio fare

L’audience è in continua ricerca di informazioni operative, sempre più spesso vuole imparare, vuole sapere come fare. Non conosciamo la relazione e il collegamento con l’eventuale acquisto e la fase nel funnel in cui si trova il nostro utente ma è sempre più importante comunque esserci.

 

Ok, abbiamo imparato che sfruttare i micro momenti rappresenta un’opportunità da analizzare e considerare: ora come trasformare la teoria in suggerimenti operativi? Contatta i professionisti Nur, azienda Google Partner,  e potrai pianificare con loro la migliore strategia!

Categorie: News | Nessun commento »